HOME HOME  VIDEO  Mercatino  NEWSLETTER

Anno VI - 2010

"Notizie dalla Terra Santa"

 

www.TerraSantaLibera.org         www.HolyLandFree.org

Questa Redazione, pur non condividendo sempre e necessariamente tutte le dichiarazioni degli autori nei testi citati, reputa che esse siano comunque utili fonti di informazione e riflessione.

Non omologati in alcun schieramento, in rispetto della libertÓ di pensiero e d'espressione garantite costituzionalmente, riteniamo irrinunciabile e giusto dare spazio a molte voci del dissenso, altrove negate.

6 novembre 1985

 

Craxi e l'OLP:

 

"La lotta armata dei palestinesi Ŕ legittima"

 

 

 

Non Ŕ un filmato di fantascienza. 6 novembre 1985: alla Camera dei Deputati, il Pres. del Consiglio Bettino Craxi riferisce sulla politica estera del Governo.

 

Lo statista del PSI rivendica, pur contestandone l'efficacia, il diritto dei palestinesi a condurre una lotta armata di liberazione nazionale dall'occupazione straniera, citando anche il "padre della patria" Giuseppe Mazzini.

 

In aula si scatena il partito americano: La Malfa s'innervosisce, Filippo Berselli, oggi senatore di AN, non vuole fargli finire il discorso; facce tese tra le file del MSI: si notino Tremaglia e Fini.

 

Sappiamo tutti che fine ha fatto Craxi.

 

Ha pagato per questo, per Sigonella, per l'opposizione alla svendita dei "gioielli di famiglia" dell'economia nazionale.

 

Oggi lui non c'Ŕ pi¨, indicato a capro espiatorio del malaffare italiano: ma tutti quei contestatori siedono ancora nel Parlamento della Repubblica delle banane.

 

FONTE A CURA DI "babs80" SU  http://www.youtube.com/watch?v=8as9n_J-Pvo&feature=related

LINK A QUESTA PAGINA : http://www.terrasantalibera.org/craxi_e_olp.htm

"Notizie dalla Terra Santa"

 

Tutte le notizie e articoli contenuti in questo spazio web sono liberamente riproducibili (salvo successive controindicazioni degli autori e/o degli editori distributori) purchŔ citandone integralmente tutte le fonti (inclusa questa), gli autori, i traduttori e i links : informazione e contro-informazione devono essere libere  e alla portata di tutti. Chi, divulgando questi notiziari, omette di fornire le indicazioni sopra citate, o impedisce in qualsiasi modo  la  libera veicolazione delle notizie,  sabota gravemente  la libera informazione.