HOME PAGE ARCHIVIO GENERALE ARCHIVIO VIDEO Mercatino Supporto ISCRIZIONE NEWSLETTER

 

QUESTA Redazione, pur non condividendo sempre e necessariamente tuttE le dichiarazioni degli autori

nei testi citati, reputa che esse siano comunque UTILi fonti di informazione, testimonianza e riflessione.

Non omologati in nessuno schieramento e in rispetto di quella libertà di pensiero e d'espressione garantite costituzionalmente, riteniamo IRRINUNCIABILE E giustO dare spazio a MOLTE voci del dissenso, ALTROVE NEGATE.

 
 

 

La morte di un malato palestinese porta a 392 il numero delle vittime dell’assedio a Gaza

Link originale :

http://www.palestine-info.co.uk

 Traduzione a cura di TerraSantaLibera.org

 

 

VIDEO Guardian: Gaza: nessun diritto alla vita.

Collabora o muori.

 

Un uomo palestinese di 45 anni è deceduto nella zona nord di Gaza a causa dell’impossibilità di potersi recare al di fuori della Striscia di Gaza per trovare cure per la sua malattia cronica.

 

Fonti mediche riferiscono che Jihad Al-Habash è stato dichiarato morto giovedì, portando il numero delle vittime causate dall’assedio israeliano a 392, molte delle quali donne e bambini.

 

Habash, padre di tre figli, provò invano ad attraversare il passo di Rafah per sottoporsi ad un’urgentissima operazione chirurgica.

 

Nel frattempo, la delegazione del Qatar guidata da Sheikha Hussa Bint Khalifa, l’incaricato dalle Nazioni Unite sulle disabilità, ha lasciato venerdì la Striscia di Gaza, via Rafah, dopo aver monitorato le aree devastate e inaugurato diversi progetti di vitale importanza.

 

 

Link originale :

http://www.palestine-info.co.uk

 

Traduzione a cura di TerraSantaLibera.org

 

Link a questa pagina :

http://www.terrasantalibera.org/gaza392morti.htm

 
 

 

Tutte le notizie e articoli contenuti in questo spazio web sono liberamente riproducibili

(salvo successive controindicazioni degli autori e/o degli editori distributori)

purchè citandone  integralmente   tutte le fonti (inclusa questa), gli autori, i traduttori e i links :

perchè informazione e contro-informazione devono essere libere e alla portata di tutti.

Chi, divulgando questi notiziari, omette di fornire le indicazioni sopra citate, o impedisce in qualsiasi modo

 la  libera veicolazione delle notizie, sabota gravemente  la libera formazione e informazione.